Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo (doc) è caratterizzato da pensieri o immagini ricorrenti e persistenti, vissuti in qualche momento nel corso del disturbo come intrusivi e inappropriati, che causano ansia o disagio marcati.

I pensieri, gli impulsi o le immagini non sono semplicemente eccessive preoccupazioni per i problemi della vita reale. La persona tenta di ignorare o sopprimere i pensieri, impulsi o immagini o di neutralizzarli con altri pensieri o azioni. La persona riconosce che i pensieri, gli impulsi o le immagini ossessivi sono un prodotto della mente.

Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi (ad es. lavarsi le mani, riordinare, controllare), o azioni mentali (ad es. pregare, contare, ripetere parole mentalmente) che la persona si sente obbligata a mettere in atto in risposta a un'ossessione o secondo regole che devono essere applicate rigidamente. I comportamenti o le azioni mentali sono volti a prevenire o ridurre il disagio o a prevenire alcuni eventi o situazioni temuti; questi comportamenti o azioni mentali non sono collegati in modo realistico con ciò che sono designati a neutralizzare o a prevenire, oppure sono chiaramente eccessivi.

In qualche momento nel corso del disturbo, la persona ha riconosciuto che le ossessioni o le compulsioni sono eccessive o irragionevoli, causano disagio marcato, fanno consumare tempo (più di un'ora al giorno) o interferiscono significativamente con le normali abitudini della persona, con il funzionamento lavorativo o scolastico o con le attività o relazioni sociali abituali.

 

Dr.ssa Collavo Marzia Psicologa- Psicoterapeuta Cognitivo- Comportamentale