Disturbi dell'umore

 
La Depressione
 
Nel modello cognitivo-comportamentale, pensieri, umore e fisiologia interagiscono tra loro e sono aspetti importanti nella depressione in quanto possono avere in momenti differenti un ruolo causale o possono contribuire a mantenere la malattia stessa.
Un evento negativo può determinare l'insorgere di un episodio depressivo, dovuto alla fine di una relazione amorosa, un fallimento lavorativo, alla perdita della stima da parte di una persona significativa o ad un abbassamento dell'autostima. In seguito ad una perdita, è normale sentirsi tristi, ma è un' esperienza che spinge l'individuo verso l'accettazione della perdita stessa e in un secondo momento al disinvestimento emotivo.
“Nella depressione il senso di perdita invece si generalizza in maniera abnorme a tutto il mondo e al sé della persona, che si sente disperata e impotente. Quando questo processo ha inizio, si crea una spirale negativa in cui cognizioni, umore, fisiologia e comportamento innescano l'una dentro l'altra una serie di reazioni a catena, determinando un peggioramento del tono dell'umore. Pensieri negativi, umore depresso, funzionamento fisiologico rallentato o agitato, comportamento passivo oppure ritirato in se stesso, costituiscono fattori che, nel loro insieme spingono l'individuo sempre più giù. La persona riceve meno rinforzi positivi dalla vita e sentendosi impossibilitata a migliorare le cose si impegna, e di conseguenza ottiene sempre meno” (Klosko, 2001).
 
 

Dr.ssa Collavo Marzia Psicologa- Psicoterapeuta Cognitivo- Comportamentale